HOLLY E DORY CUCCIOLE

HOLLY E DORY CUCCIOLE PIOVUTE DAL CIELO (O QUASI)… queste due piccole sono state recuperate da alcuni ragazzi che lavorano nei campi. Presto saranno messe in adozione, età stimata 2/3 mesi. Si affidano centro-nord con obbligo di sterilizzazione. Per info Simona 3455982486 – Rita 3493695664 arcadirita@gmail.com

Cesare adottato!

Cesare ha bisogno di voi! è un cane buono anche se la sua mole può mettere paura a chi non capisce molto di cani!
Poco più che cucciolone, si era rifugiato in un campeggio sul mare per trovare cibo e contatto umano ma ha rischiato di essere avvelenato da chi lo voleva cacciare. Ora è finito in un recinto in pensione, da cui non esce quasi mai e per un cucciolo di maremmano è una tortura quasi più grande che l’abbandono!
Cesare ha circa un anno e si trova in provincia di Roma, adottabile al centro-nord. Sarà affidato sterilizzato e microchippato.
Per info Simona 3455982486- arcadirita@gmail.comfb_img_1512688284745

L’Arca di Rita a 4 zampe in festa, vi aspettiamo!

grafica-post-fb

 

SABATO 22 E DOMENICA 23 APRILE , L’ARCA DI RITA SARA’ PRESENTE CON UN SUO STAND AL CENTRO COMMERCIALE I GRANAI DI ROMA, Via Mario Rigamonti 100. VI ASPETTIAMO, TROVERETE TANTI OGGETTI PERSONALIZZATI ARCA E POTRETE AIUTARE CON POCO TANTI PELOSETTI. <3

ORARIO: 11-13 – 16-19,30
PER INFO SIMONA 3455982486 arcadirita@gmail.com

HELP!!! ORDINE DI SGOMBERO…

HELP!!! ORDINE DI SGOMBERO…

….TROPPI CANI SCHIACCIATI AGGIORNAMENTI AL 12 MAGGIO

I CUCCIOLI TUTTI ADOTTATI E ANCHE NERONE…. GLI ALTRI DOMENICA VERRANNO PORTATI AL SICURO IN UNA PENSIONE MA CERCAO ANCORA CASAAAAAAAAAAAAAA FORZAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!

Esiste uno stabilimento industriale a Pomezia, dove senza controllo si sono riprodotti numerosi cani.

QUESTO BRANCO DEVE ESSERE COLLOCATO ALTROVE su disposizioni dei titolari.

Per evitare che le minacce di percosse diventino una realta’ e Per cessare i numerosi, frequenti e TERRIBILI INCIDENTI DI CANI INVESTITI (e senza alcun soccorso), provocati dai camion nel rientro e nelle uscite.

UN VOLONTARIO DISPERATO ,CHIEDE AIUTO… stiamo adottando le cucciolate. Sterilizzeremo e microchipperemo gli ULTIMI 4 SUPERSTITI ADULTI, 2 di questi (femmine ) le hanno rinchiuse in un gabbione punite per i loro parti.

SPERIAMO, prima possibile di portarli al rifugio Agrilia, una tra le pensioni serie e poco esose.

DOBBIAMO ASSOLUTAMENTE FAR ADOTTARE QUALCUNO DI LORO, E’ UN COSTO TROPPO ALTO.

CONDIVIDETE…. E’ UN CASO DISPERATO

per info e adozioni o per chi potesse offrire uno stallo per uno di loro

Rita: 349/3695664
Francesca: 349/8651342

lamicoperfetto C/F 97508700586
Donazioni : C/C Bancario IBAN IT62 N033 5901 6001 0000 0011 626
C/C Postale Post Pay: 4023 6004 6531 1993 C.F DMRRTI66H62H501F

Mese del gattino

L’alimentazione del gattino, il primo passo importante per la sua crescita

Il primo anno di vita del gattino si suddivide in 2 importanti fasi della crescita con specifiche esigenze nutrizionali.

Per rispondere a questa necessità Royal Canin offre un’intera linea di alimenti dedicati alla crescita del gattino. Dalla nascita ai 4 mesi, il gattino affronta un periodo di crescita intensa, ha una capacità digestiva e difese naturali ridotte. Il prodotto ideale è Babycat Milk, indicato fino ai 2 mesi di età, riproduce caratteristiche molto simili a quelle del latte materno.
Cominciano poi a crescere i primi dentini ed inizia così la transizione al cibo solido. Si può passare quindi a Babycat Instinctive 10, una tenera mousse, e con Babykat 34 invece, il gattino può provare le sue prime crocchette, con una consistenza tenera adatta ai denti da latte.

Dai 4 ai 12 mesi è possibile scegliere tra i teneri bocconcini in salsa Kitten Instinctive 12 e le crocchette Kitten 36. Entrambi si adattano alla piccola mascella in crescita.

Il gattino Persiano si distingue per la delicatezza della pelle e del pelo, ma soprattutto per il caratteristico “muso schiacciato”. Un alimento specifico è Kitten Persian 32: crocchette che per la loro particolare forma e tessitura si adattano al meglio alla mascella del Persiano facilitandone la presa dalla ciotola.

Fonte “la Repubblica” del 19 /10/2010

Ansiosi, compulsivi, aggressivi… se i cani vanno dallo psichiatra

Abbiamo le stesse sindromi. I comportamenti sono più diffusi di quanto si creda. Test su nuovi farmaci aiuteranno a curare anche noi

di ELENA DUSI

FRA CANI e padroni l’intesa è al primo sguardo. Ma gli uomini e i loro migliori amici non condividono solo voglia di affetto, solitudine o ansia. Osservare il comportamento di Solo, un border collie di 11 anni arruolato in un progetto di ricerca dell’università della California, aiuta a capire il perché. Solo inizia a tremare, uggiolare e correre per rifugiarsi in un luogo protetto ogni volta che sente un tuono. I fuochi d’artificio gli provocano veri e propri attacchi di panico, simili a quelli osservabili negli uomini.

L’esperienza è stata vissuta da tanti padroni, che sorridono e rincuorano i loro amici con una dose extra di carezze. Ma lo psichiatra Steven Hamilton, docente all’università della California di San Francisco, osservando il comportamento degli animali ha pensato di studiarli per capire meglio come funzionano le malattie degli uomini. E trovare nuove vie per curarle.

Solo e gli altri esemplari arruolati nello studio vengono trattati con antidepressivi e ansiolitici. Le loro reazioni avverse o gli eventuali miglioramenti sono annotati con cura dai ricercatori. Il funzionamento dei due tipi di farmaci è infatti sovrapponibile in uomini e cani, così come le percentuali di successo del trattamento. “Le similitudini sono evidenti” commenta Hamilton in un dossier dedicato dalla rivista Nature al “nuovo miglior amico degli psichiatri”. E questo è vero soprattutto per gli animali con un pedigree: la rigida selezione genetica cui sono stati sottoposti negli ultimi due secoli, da un lato, ha fatto nascere malattie sia fisiche che mentali sconosciute ai meticci, dall’altro, ha reso i genomi più omogenei, facilitando la ricerca dei frammenti di Dna legati ai vari disturbi psichici.

“I cani – spiega Guoping Feng, genetista del Massachusetts Institute of Technology – sono l’unico modello esistente in natura per studiare i disordini psichiatrici. E sono anche perfetti per essere mappati geneticamente”.
Una statistica della Tufts University stima che il 40 per cento dei 77 milioni di cani statunitensi soffrano di un non meglio precisato “disturbo comportamentale”. Cifre difficili da verificare, ma che bastano ad alimentare un marketing per gli psicofarmaci che coinvolge anche gli animali domestici e che dà un contributo importante ai 15 miliardi di dollari che ogni anno i proprietari Usa spendono per i loro cani.

Gli psichiatri della California hanno deciso di sfruttare le somiglianze fra uomini e animali da compagnia per fini di ricerca, forti della conoscenza del Dna dei quattro zampe e della corrispondenza che alcuni geni coinvolti nelle malattie psichiatriche hanno fra le due specie.

Cane e uomo, a livello genetico, si rispecchiano in malattie come la narcolessia (caratteristica dei dobermann), nei disturbi ossessivo-compulsivi (riscontrati nei bull terrier, pastori tedeschi, danesi e golden retriever, che a volte si mordono fianchi e zampe fino a ferirsi o inseguono la coda roteando in modo ossessivo) o nei deficit di attenzione che sono stati notati in alcuni labrador impiegati come guida per ciechi.

La decisione di affidare la ricerca ai cani – dove la diagnosi precisa di disturbi psichiatrici è ancora più difficile che negli uomini – è un sintomo di quanto stagnante sia la situazione nella cura delle malattie mentali. Un’inchiesta pubblicata da Science a luglio, intitolata “Is Pharma running out of brainy ideas?” raccoglie tutti i casi di grandi aziende farmaceutiche intenzionate a chiudere i loro laboratori per lo sviluppo di nuovi farmaci.
La GlaxoSmithKline secondo la rivista è pronta ad abbandonare i settori di analgesici e antidepressivi, mentre AstraZeneca avrebbe deciso di chiudere alcuni centri di ricerca per medicinali contro schizofrenia, disturbo bipolare, depressione e ansia.

“La realtà – spiega a Science Thomas Insel, direttore dell’Istituto nazionale per la salute mentale negli Usa – è che da anni in questo campo non ci sono farmaci o idee nuove. E quasi nulla dà speranza al settore delle malattie mentali”. Spetta ora ai migliori amici dell’uomo smentire la tesi sconsolata dello psichiatra.

Fonte “la Repubblica” del 18 ottobre 2010

Ritrovare Orsa: l’amore di Rita attraversa l’Italia tre volte


E’ una vicenda che commuoverà qualcuno: Orsa è una cagnolona simil-Golden Retriver, ha circa tre anni e vive con Rita, una ragazza di Roma che l’ha salvata da un brutto canile. Rita però non è una ragazza “comune”, non ha salvato solo Orsa, lei gli animali li salva quotidianamente, tutti quelli che riesce, li porta al sicuro sulla sua “Arca” anche se probabilmente ne avrà visti morire molti sotto i suoi occhi, impotente come spesso purtroppo gli animalisti sono costretti a sentirsi.

Orsa e Rita vivono assieme in casa, ma la cagnolona sembra non gradire molto la presenza dei gatti e a malincuore Rita decide di farla adottare. Una proposta concreta arriva dal Nord, precisamente da Bergamo. Orsa arriva a destinazione il primo Agosto, verso sera. Originariamente destinata ad un appartamento, la quadrupede viene portata ad Almeno San Salvatore, ai piedi della Valle Imagna, in una casa con giardino. Da qui le voci iniziano a rincorrersi, a sovrapporsi. C’è chi dice che abbia saltato la cancellata, altri che il fattaccio sia avvenuto durante una passeggiata, fatto sta che Orsa, neanche cinque giorni dopo il suo arrivo scappa dai suoi nuovi padroni.

Rita lo viene a sapere, si sente male, deve per forza andare a cercarla, ha paura per lei, che stia male, o che muoia di fame o di sete. Tra mille traversie arriva a Bergamo, il viaggio non è dei più facili, per vari fattori sui quali si è deciso di sorvolare, rovinerebbero la magia di questa storia. Rita però non riesce nell’impresa di ritrovare la sua cagnolona, resta ad Almenno un giorno intero, gira per il paese, per i boschi, per le campagne, ma niente. E’ costretta a tornare a casa, non c’è solo Orsa alla quale pensare. L’arca di Rita è un associazione impegnata all’inverosimile nel salvataggio di pelosi in difficoltà.

In ogni caso vengono stabiliti alcuni contatti con la gente del posto, residenti in paese e volontari locali. Nazzarena, uno degli “Angeli di Pasquale“, da Orsa prova ad andarci tutti i giorni, per mettergli il cibo, per chiamarla e provare ad avvicinarla, la vede anche, ma la pelosa è spaventata, di più, terrorizzata , è forse stata presa dentro di striscio da un’auto, zoppica e teme qualunque cosa si muova. Scappa sempre, anche se con il passare dei giorni diventa possibile capire all’incirca il suo percorso, che pare essere sempre quello, più o meno.

I volontari impegnati per Orsa sono molti: chi va sul posto, chi diffonde gli appelli, chi prende contatti. Passano altri giorni, ormai più di una settimana, Rita vuole fare un secondo viaggio, lo sta organizzando, ma è sempre più dura, lei tutto quello che ha lo dà agli animali e i viaggi al nord da Roma non erano certo previsti, ma per Orsa si può fare tutto, vero Rita?

Noi di NewNotizie seguiamo da vicino tutta la vicenda, andiamo a cercare Orsa e non temiamo smentite nel dire che l’intero paese di Almenno San Salvatore si è mobilitato nell’aiutare Rita e gli altri volontari in quella che stava diventando una vera e propria lotta con tro il tempo. Vengono diffuse diverse locandine in tutto il paese e nei comuni limitrofi. A dire il vero, pare che qualcuna sia pure stata strappata da mani ignote, ma è la cosiddetta eccezione, pur negativa, che conferma la regola; in pratica ogni abitante di Almenno è a conoscenza di chi sia Orsa, sa chi chiamare in caso dovesse avvistarla, diverse persone si offrono anche per metterle del cibo e provare a fare che si fidi di loro, nel tentativo di fermarla e poterla far tornare finalmente a casa.

Il secondo viaggio di Rita ha la sfortuna del primo, niente Orsa, nemmeno stavolta. Tutti la vedono in giro, e chiamano i numeri appositi, ma quando Rita giunge a Bergamo, Orsa scompare, un caso, infame, del destino. Il giorno dopo Orsa è in una delle vie dove Rita è stata a cercarla, dove l’aspettava. I testimoni raccontano che la cagnolona gira su se stessa e annusa tutta la via, ma Rita purtroppo è già tornata a Roma. Quando i volontari giungono sul posto, Orsa, un’altra volta, non c’è più. Rita sta sempre peggio, ma non si vuole arrendere.

A tre-quattro giorni dal suo ritorno a Roma, Orsa viene avvistata un’altra volta. Alla mattina segue una ragazza col suo cane, al pomeriggio se ne va per i boschi, dove trova acqua, e probabilmente anche cibo. A una certa ora, le sette di mattina, pare venga sempre alla piazza del Comune, ci andiamo anche noi e incontriamo due agenti della Forestale che su segnalazione sono venuti a cercarla, Orsa però non c’è, un’altra volta. E’ un’interminabile lotta di nervi.

Altri rinforzi arrivano dalla Rapid Dog Rescue di Milano, tre loro volontarie si “autospediscono” ad Almenno, anche loro la vedono, ma Orsa, da come corre, pare stia fin troppo bene. La realtà è leggermente differente, anche se fortunatamente la pelosa non è allo stremo, ma la notizia, nella tragicità della vicenda, risolleva un po’ il morale a Rita, che decide che questo destino debba essere preso a calci nel sedere. Ritorna a Bergamo, stremata, con la febbre, stavolta per due giorni e ancora, per quei maledetti due giorni, Orsa non si vede. E’ Lunedì sera 23 Agosto, l’indomani mattina Rita partirà per Roma e stavolta, davvero, non potrà più tornare per chissà quanto tempo.

Pare che abbia vinto il destino, ma quest’ultimo è sempre stato del tutto imprevedibile. Quella stessa sera arriva la telefonata dell’Asl, Orsa è stata accalappiata, si era rifatta vedere in piazza, Rita poche ore prima era lì . Gli adottanti di Bergamo ai quali era stata inizialmente riconsegnata, visto l’incredibile amore di Rita acconsentono a restituirgliela. Ora le due non si separeranno più.

Attraverso un comunicato, giunto in redazione, ma diffuso anche attraverso i vari social network, l’Arca di Rita ringrazia pubblicamente tutti gli abitanti di Almenno San Salvatore, indistintamente, per la fortissima collaborazione dimostrata ai fini del ritrovamento di Orsa, oltre a tutti i volontari che hanno aiutato, operativamente, virtualmente ed economicamente. Questi ultimi, sono stati davvero tanti, impossibile citarli tutti. La degna conclusione la potete vedere nella foto, datata 23 Agosto notte. Passato il terrore del randagismo, della solitudine e della fame, Orsa ha finalmente riconosicuto la sua più grande amica. In un abbraccio, tutto l’amore di Rita.

A.S.

fonte: newnotizie.it

RICKETTSIOSI


Le zecche che colpiscono il nostro cane possono trasmettere la Rickettsiosi Le Rickettsie sono piccoli microrganismi, coccoidi o coccobacillari, con dimensioni poco maggiori dei grandi virus. Non hanno vita libera, ma sono parassiti endocellulari obbligati, caratterizzati da uno spiccato polimorfismo: possono presentarsi sia in forme isolate che in brevi catenelle. Vivono nell’intestino di artropodi ematofagi (fra cui le zecche) per i quali, generalmente, non risultano patogene. La specie umana ed altri animali, invece, possono ammalarsi in seguito alla puntura di questi insetti vettori, che costituiscono il serbatoio naturale della malattia. La loro posizione tassonomica, però, risulta ancora incerta, in quanto le loro dimensioni le rendono affini ai virus, mentre la sensibilità ad alcuni antibiotici le fanno classificare fra i batteri. La Rickettsiosi canina, causata da Rickettsia rickettsii, è una diffusa malattia infettiva, praticamente cosmopolita. In Italia, però, le zone più colpite sono la Liguria e le grandi isole, ambienti caldo-umidi assai favorevoli allo sviluppo delle zecche. Tale patologia, anche detta “Febbre Maculosa o Bottonosa delle Montagne Rocciose”, viene trasmessa al cane attraverso il morso di una zecca infetta, appartenente al genere Rhipicephalus sanguineus. Dopo una incubazione di 1-3 settimane, l’infezione può manifestarsi clinicamente in forma acuta, subclinica o cronica, ma è difficile distinguere le varie fasi sulla sola base clinica. I SEGNI CLINICI I più comuni segni clinici sono rappresentati da depressione ed anoressia, perdita di peso, mucose pallide, febbre, tendenza alle emorragie (petecchie, ecchimosi, epistassi), linfoadenopatia e splenomegalia, zoppia associata a dolore articolare. Tuttavia, la gravità della malattia sembra relativa alla sensibilità della razza, all’età ed all’immunocompetenza dell’ospite: infatti, generalmente, le infezioni croniche da Rickettsie si rivelano più gravi nel Dobermann e nel Pastore Tedesco. Diagnosi Il sistema diagnostico clinicamente più utile ed affidabile per formulare diagnosi di Rickettsiosi è rappresentato dai tests sierologici, che si basano sull’analisi della presenza di anticorpi contro Rickettsia nel siero di sangue. Fra tutti, quello dell’immunofluorescenza indiretta è il più comunemente usato. Trattamento Il primo passo comprende un’attenta valutazione clinico-patologica, al fine di riconoscere le complicazioni multiorganiche infiammatorie. Successivamente, si procede con la somministrazione di farmaci antimicrobici, quali Doxiciclina o Imidocarb. La prevenzione consiste nel tenere sotto controllo l’infestazione di zecche, utilizzando sul cane e nell’ambiente validi prodotti antiparassitari. Per maggiori informazioni : mauriziapallante@libero.it Autore: di Maurizia Pallante