Vibrisse: cosa sono?

Se davvero credete che le vibrisse dei gatti corrispondono ai baffi degli umani, vi sbagliate di grosso, ecco perché:

  • Le vibrisse non si trovano solo ai lati del muso, ma anche alla base delle orecchie, sopra gli occhi, ai lati della testa e dietro alla zampe.
  • Le vibrisse sono due volte più spesse dei peli e fungono da organi di senso simili ai polpastrelli e sono in grado di percepire gli spostamenti d’aria nell’ambiente circostante, permettendo al gatto di muoversi agilmente anche al buio. E questo spiega come mai
  • Anche i gatti ciechi sono in grado di muoversi nello spazio senza grosse difficoltà, addirittura di arrampicarsi e camminare in bilico sulle balaustre e persino di cacciare.
  • Le vibrisse ai lati del muso sono circa 12 per lato e la loro ampiezza corrisponde alla larghezza del corpo del gatto; in questo modo micio può valutare se riuscirà a entrare in un dato spazio senza il rischio di rimanere incastrato.
  • Le vibrisse sono estremamente sensibili e per questo a volte il gatto si rifiuta di mangiare da una ciotola troppo profonda o troppo piccola, in cui le vibrisse toccano i bordi; è quindi meglio usare piatti piani.
  • Le vibrisse non vanno mai tagliate, né accorciate; a volte cadono da sole e si rinnovano.

La posizione delle vibrisse ci indica l’umore del nostro gatto. Vediamo come:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *