Ritrovare Orsa: l’amore di Rita attraversa l’Italia tre volte

Posted by By at 4 ottobre, at 13 : 00 PM Print


E’ una vicenda che commuoverà qualcuno: Orsa è una cagnolona simil-Golden Retriver, ha circa tre anni e vive con Rita, una ragazza di Roma che l’ha salvata da un brutto canile. Rita però non è una ragazza “comune”, non ha salvato solo Orsa, lei gli animali li salva quotidianamente, tutti quelli che riesce, li porta al sicuro sulla sua “Arca” anche se probabilmente ne avrà visti morire molti sotto i suoi occhi, impotente come spesso purtroppo gli animalisti sono costretti a sentirsi.

Orsa e Rita vivono assieme in casa, ma la cagnolona sembra non gradire molto la presenza dei gatti e a malincuore Rita decide di farla adottare. Una proposta concreta arriva dal Nord, precisamente da Bergamo. Orsa arriva a destinazione il primo Agosto, verso sera. Originariamente destinata ad un appartamento, la quadrupede viene portata ad Almeno San Salvatore, ai piedi della Valle Imagna, in una casa con giardino. Da qui le voci iniziano a rincorrersi, a sovrapporsi. C’è chi dice che abbia saltato la cancellata, altri che il fattaccio sia avvenuto durante una passeggiata, fatto sta che Orsa, neanche cinque giorni dopo il suo arrivo scappa dai suoi nuovi padroni.

Rita lo viene a sapere, si sente male, deve per forza andare a cercarla, ha paura per lei, che stia male, o che muoia di fame o di sete. Tra mille traversie arriva a Bergamo, il viaggio non è dei più facili, per vari fattori sui quali si è deciso di sorvolare, rovinerebbero la magia di questa storia. Rita però non riesce nell’impresa di ritrovare la sua cagnolona, resta ad Almenno un giorno intero, gira per il paese, per i boschi, per le campagne, ma niente. E’ costretta a tornare a casa, non c’è solo Orsa alla quale pensare. L’arca di Rita è un associazione impegnata all’inverosimile nel salvataggio di pelosi in difficoltà.

In ogni caso vengono stabiliti alcuni contatti con la gente del posto, residenti in paese e volontari locali. Nazzarena, uno degli “Angeli di Pasquale“, da Orsa prova ad andarci tutti i giorni, per mettergli il cibo, per chiamarla e provare ad avvicinarla, la vede anche, ma la pelosa è spaventata, di più, terrorizzata , è forse stata presa dentro di striscio da un’auto, zoppica e teme qualunque cosa si muova. Scappa sempre, anche se con il passare dei giorni diventa possibile capire all’incirca il suo percorso, che pare essere sempre quello, più o meno.

I volontari impegnati per Orsa sono molti: chi va sul posto, chi diffonde gli appelli, chi prende contatti. Passano altri giorni, ormai più di una settimana, Rita vuole fare un secondo viaggio, lo sta organizzando, ma è sempre più dura, lei tutto quello che ha lo dà agli animali e i viaggi al nord da Roma non erano certo previsti, ma per Orsa si può fare tutto, vero Rita?

Noi di NewNotizie seguiamo da vicino tutta la vicenda, andiamo a cercare Orsa e non temiamo smentite nel dire che l’intero paese di Almenno San Salvatore si è mobilitato nell’aiutare Rita e gli altri volontari in quella che stava diventando una vera e propria lotta con tro il tempo. Vengono diffuse diverse locandine in tutto il paese e nei comuni limitrofi. A dire il vero, pare che qualcuna sia pure stata strappata da mani ignote, ma è la cosiddetta eccezione, pur negativa, che conferma la regola; in pratica ogni abitante di Almenno è a conoscenza di chi sia Orsa, sa chi chiamare in caso dovesse avvistarla, diverse persone si offrono anche per metterle del cibo e provare a fare che si fidi di loro, nel tentativo di fermarla e poterla far tornare finalmente a casa.

Il secondo viaggio di Rita ha la sfortuna del primo, niente Orsa, nemmeno stavolta. Tutti la vedono in giro, e chiamano i numeri appositi, ma quando Rita giunge a Bergamo, Orsa scompare, un caso, infame, del destino. Il giorno dopo Orsa è in una delle vie dove Rita è stata a cercarla, dove l’aspettava. I testimoni raccontano che la cagnolona gira su se stessa e annusa tutta la via, ma Rita purtroppo è già tornata a Roma. Quando i volontari giungono sul posto, Orsa, un’altra volta, non c’è più. Rita sta sempre peggio, ma non si vuole arrendere.

A tre-quattro giorni dal suo ritorno a Roma, Orsa viene avvistata un’altra volta. Alla mattina segue una ragazza col suo cane, al pomeriggio se ne va per i boschi, dove trova acqua, e probabilmente anche cibo. A una certa ora, le sette di mattina, pare venga sempre alla piazza del Comune, ci andiamo anche noi e incontriamo due agenti della Forestale che su segnalazione sono venuti a cercarla, Orsa però non c’è, un’altra volta. E’ un’interminabile lotta di nervi.

Altri rinforzi arrivano dalla Rapid Dog Rescue di Milano, tre loro volontarie si “autospediscono” ad Almenno, anche loro la vedono, ma Orsa, da come corre, pare stia fin troppo bene. La realtà è leggermente differente, anche se fortunatamente la pelosa non è allo stremo, ma la notizia, nella tragicità della vicenda, risolleva un po’ il morale a Rita, che decide che questo destino debba essere preso a calci nel sedere. Ritorna a Bergamo, stremata, con la febbre, stavolta per due giorni e ancora, per quei maledetti due giorni, Orsa non si vede. E’ Lunedì sera 23 Agosto, l’indomani mattina Rita partirà per Roma e stavolta, davvero, non potrà più tornare per chissà quanto tempo.

Pare che abbia vinto il destino, ma quest’ultimo è sempre stato del tutto imprevedibile. Quella stessa sera arriva la telefonata dell’Asl, Orsa è stata accalappiata, si era rifatta vedere in piazza, Rita poche ore prima era lì . Gli adottanti di Bergamo ai quali era stata inizialmente riconsegnata, visto l’incredibile amore di Rita acconsentono a restituirgliela. Ora le due non si separeranno più.

Attraverso un comunicato, giunto in redazione, ma diffuso anche attraverso i vari social network, l’Arca di Rita ringrazia pubblicamente tutti gli abitanti di Almenno San Salvatore, indistintamente, per la fortissima collaborazione dimostrata ai fini del ritrovamento di Orsa, oltre a tutti i volontari che hanno aiutato, operativamente, virtualmente ed economicamente. Questi ultimi, sono stati davvero tanti, impossibile citarli tutti. La degna conclusione la potete vedere nella foto, datata 23 Agosto notte. Passato il terrore del randagismo, della solitudine e della fame, Orsa ha finalmente riconosicuto la sua più grande amica. In un abbraccio, tutto l’amore di Rita.

A.S.

fonte: newnotizie.it

Diario in movimento News ,

Related Posts

Post Your Comment

Dona con paypal

Dona tramite bonifico

intestato a L’arca di Rita Onlus
Codice IBAN:  IT62 N033 5901 6001 0000 0011 626

Dona tramite Postepay

Puoi effettuare una ricarica da qualsiasi ufficio postale, e da qualsiasi ricevitoria Sisal

N° carta: 5333 1710 0156 7979
C.F DMRRTI66H62H501F